Diventa sempre più necessario parlare di inquinamento degli oceani, questo perché l’oceano rimane uno dei luoghi più estesi, misteriosi e diversificati della Terra. Purtroppo, come già detto, è minacciato dall’inquinamento causato dalle persone sulla Terra e da cause naturali.

La vita marina sta morendo e, di conseguenza, l’intero ecosistema oceanico è minacciato semplicemente da varie fonti di inquinamento. Se vogliamo preservare l’oceano e la sua bellezza naturale, è necessario adottare misure drastiche per combattere questo dramma mondiale e preservare ciò che ci sta di più a cuore.

Prima, si pensava che, poiché l’oceano era così grande, vasto e profondo, gli effetti dello scarico di rifiuti nel mare avrebbe avuto solo conseguenze minime. Ma come abbiamo visto, non è stato così. Sebbene tutti e cinque gli oceani abbiano sofferto a causa delle conseguenze umane per oltre millenni ormai, negli ultimi decenni ha subito un’accelerazione. Fuoriuscite di petrolio, rifiuti tossici, plastica galleggiante e vari altri fattori hanno tutti contribuito all’inquinamento dell’oceano.

Se visiti l’enciclopedia digitale per eccellenza (Wikipedia), l’inquinamento degli oceani viene definito come:

“Un effetto nocivo e potenzialmente dannoso derivato dall’ingresso nell’oceano di sostanze chimiche, particelle, rifiuti industriali, agricoli e residenziali, rumore o dalla diffusione di organismi invasivi. La maggior parte delle fonti di inquinamento marino sono terrestri. L’inquinamento proviene spesso da fonti non puntuali come il deflusso agricolo, i detriti portati dal vento e la polvere. “

In pratica acqua e aria, i due composti chimici essenziali da cui dipende tutta la vita, sono diventati sempre più malati a livello globale. Ad esempio, secondo l’agenzia federale statunitense che si occupa di clima, oceani e meteo – NOAA – oltre 635 mila kg. di rifiuti all’anno invadono le acque degli oceani. Allora, ecco che desideriamo farti scoprire qualcosa di spaventoso.

2 gravi problemi di inquinamento degli oceani

In poche parole, l’oceano non può continuare ad essere la discarica a cielo aperto dell’umanità. Mentre lo stato dell’inquinamento dell’oceano potrebbe non più sorprendere molte persone, esistono 5 fatti concreti che possono davvero preoccupare il mondo intero. Dunque, se non vuoi anche tu contribuire a questo scempio mondiale ti suggeriamo di servirti di aziende di rifiuti che sanno come smaltire la tua spazzatura.

Rifiuti di plastica (fattore 1)

La plastica è l’elemento più comune che si trova nell’oceano. È dannosa per l’ambiente in quanto non si decompone facilmente ed è spesso scambiata per cibo dagli esseri viventi che abitano le profondità marine. Purtroppo, almeno 8 milioni di tonnellate di plastica entrano negli oceani ogni anno. È come svuotare ogni minuto un camion della spazzatura dalla plastica in un oceano.

L’inquinamento da plastica è una delle minacce più gravi per l’oceano. La plastica non si degrada, ma si scompone in pezzi progressivamente più piccoli, noti come microplastiche (inferiori a 5 mm) per esposizione al sole e azione delle onde. Quindi può trovare la sua strada nella catena alimentare ma non scompare mai.

I detriti di plastica possono assorbire sostanze chimiche tossiche dall’inquinamento oceanico, avvelenando quindi qualunque cosa lo mangi. Rappresenta una significativa minaccia per la salute delle varie creature marine e dell’intero ecosistema marino. Infatti, esiste più microplastica nell’oceano che stelle nella Via Lattea.

Grazie a questo gravissimo problema, oltre 100.000 animali marini muoiono ogni anno per ingestione di plastica, o perché rimangono impigliati nelle reti. Inoltre, più del 50% delle tartarughe marine consuma plastica abitualmente.

C’è così tanta spazzatura in mare che i detriti hanno formato gigantesche chiazze di immondizia. Il termine “garbage patch” è una vasta area costituita da detriti di dimensioni variabili, dalle microplastiche ai grandi fasci di attrezzi da pesca abbandonati e altri detriti marini raccolti.

Queste macchie sono formate da grandi correnti oceaniche rotanti chiamate vortici che trascinano i detriti in una posizione, spesso al centro del vortice. I detriti che formano le chiazze di immondizia possono essere trovati dalla superficie dell’oceano fino al fondo dell’oceano.

Ci sono cinque vortici nell’oceano, uno nell’Oceano Indiano, due nell’Oceano Atlantico e due nell’Oceano Pacifico. Il più grande è quello della “grande chiazza di immondizia del Pacifico”.

Altri fatti che derivano ancora dal problema della plastica

C’è un’isola di spazzatura grande il doppio del Texas all’interno dell’Oceano Pacifico: il North Pacific Gyre al largo della costa della California. Essa comprende circa 1.8 trilioni di pezzi di spazzatura. Lì, il numero di pezzi di plastica galleggianti supera di sei a uno la vita marina totale nelle immediate vicinanze.

In effetti, la plastica è la principale fonte di inquinamento degli oceani. Quando la plastica alla fine si degrada – occorrono circa 400 anni per la maggior parte della plastica – il processo rilascia sostanze chimiche che contaminano ulteriormente il mare.

La plastica nell’oceano proviene dalla Cina e dall’Indonesia più che altrove e rappresenta un terzo dell’inquinamento da plastica. In effetti, l’80% dell’inquinamento da plastica proviene da soli 20 Paesi, inclusa naturalmente l’Italia.

Il petrolio (fattore 2)

La più grande fonte di inquinamento nell’oceano proviene direttamente da fonti terrestri, come petrolio, sporcizia, fosse settiche, fattorie, ranch, veicoli a motore, tra le fonti più grandi. Migliaia di tonnellate di rifiuti vengono scaricati nell’oceano ogni giorno.

Ogni anno oltre un milione di uccelli marini vengono uccisi dall’inquinamento oceanico. Trecentomila delfini e focene muoiono ogni anno perché rimangono impigliati in reti da pesca non più utilizzate e buttate in mare. Centomila mammiferi marini muoiono ogni anno nell’oceano a causa dell’inquinamento.

Anche se la maggior parte della spazzatura e dei rifiuti scaricati nell’oceano viene rilasciata a centinaia di miglia di distanza dalla terra ferma, si riversa ancora sulle spiagge e sulle zone costiere. Ogni animale marino è influenzato dalle sostanze chimiche prodotte dall’uomo rilasciate nell’acqua.

Il petrolio è la fonte più rapida di deterioramento dell’oceano, essendo molto più dannoso di qualsiasi tipo di rifiuti. Tuttavia, solo una piccola percentuale del petrolio (circa il 12%) scaricato nell’oceano proviene da effettive fuoriuscite di petrolio. La maggior parte del petrolio che causa danni nell’oceano è il risultato del drenaggio dalla terra. Oltretutto, le fuoriuscite di petrolio soffocano a morte la vita marina e portano a cambiamenti comportamentali.